giovedì 22 dicembre 2016

Spazzolini biodegradabili!

Gli spazzolini in plastica dura hanno un pesante impatto ambientale, perché la plastica deriva dal petrolio  e  nel giro di 3 mesi diventano pessimi rifiuti indifferenziati. Manico e setole non si riciclano. Una soluzione intermedia è cambiare la testina (cosa che facevamo finora) ma in genere:
-testine e spazzolini sono acquistati in imballi in plastica più grossi di loro.
-a lungo andare, rimane sempre un po' di sporco tra testina e manico
-la testina va comunque getttata nell'indifferenziata.
Come fare? Abbiamo deciso di provare spazzolini 100 % biodegradabili e compostabili, in bambù, anche se siamo perplessi sulla provenienza del bambù.




Li abbiamo comprati da Tea Natura, prodotti ad Ancona: sono totalmente fatti in bambù (sia setole sia manico) con marchio vegan ok e 100% biodegradabili e compostabili. Vanno cambiati ogni 2-3 mesi, come i normali spazzolini e si possono sotterrare in giardino o buttare nel compost. Anche il packaging è sobrio e sostenibile, fatto con carta riciclata. Il prezzo per pubblico è 3 euro a spazzolino, per i gruppi di acquisto è un po' inferiore. Il bambù, spiega la ditta produttrice, è la pianta con il miglior rapporto di resa legno per ettaro e non ha bisogno di fertilizzanti per la coltivazione. Ha grossi effetti di riduzione di CO2 dal momento che incamera quattro volte le emissioni di un gruppo di alberi di dimensioni simili. Inoltre il bamboo è naturalmente resistente ai batteri quindi è difficile che pericolosi germi prendano albergo nel nostro spazzolino ecologico.  Risulta quindi una pianta sostenibile per l'ambiente.


Il problema è la provenienza del bambù, non proprio a km zero...viene infatti da piantagioni della Cina! E' un po' triste che non ci sia niente di sostituibile e locale. Dalle schede tecniche delle piantagioni cinesi che Teanatura ha richiesto, si legge che non vengono usati concimi chimici, fertilizzanti, né pesticidi. Ma Tea Natura ammette di non essere mai andata a controllare. In Cina purtroppo, non ci sono certificazioni biologiche serie e garantite e anche per quel che riguarda le condizioni dei lavoratori non possiamo avere molte garanzie. 
Perché non provare a creare piantagioni di bambù in Italia, biologiche e sostenibili? Oppure creare manici con altro materiale biodegradabile locale?
Esistono anche altre marche, acquistabili on line, di spazzolini in bambù, ma tutti provengono dalla Cina e alcuni di questi non hanno setole compostabili:
Hydrophil, biodegradabile al 96%. E' un prodotto completamente vegan e formato da un manico in bambù e da setole in plastica biologica e biodegradabile (nylon 4) ma non compostabile.
Brogobush: uno spazzolino fatto e ideato negli  USA e realizzato interamente in bambù dipinto con colori ad acqua e con setole in nylon biodegradabile (che a differenza del tradizionale nylon, per decomporsi impiega meno di un anno). Anche questo non è compostabile. Per ogni BogoBrush acquistato, la società ne donerà uno in beneficienza a persone bisognose di Detroit, Atlanta e Minnesota.
Woobamboo, proviene dagli USA ed ha solo il manico  in bambù biodegradabile. (Ma convenite che non ha molto senso comprare uno spazzolino fatto negli USA con bambù che viene dalla Cina!!!)
Jachandjiillkids, manico in amido di mais, setole in nylon non compostabile. 

Cosa mettere sopra lo spazzolini? dentifricio fai da te! per la ricetta clicca qui!

1 commento:

  1. Ciao! io ho comprato quelli in ecoplastica con testina sostituibile di lamazuna :D

    RispondiElimina